Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio S.C. – Bilancio Sociale 2012

Scarica Rendiconto 2012 Tra le società incluse nell’indice “FTSE IT All Share” dopo il 31/8/2013 è stato pubblicato solo un altro bilancio di sostenibilità (in questo caso denominato “sociale” e certificato al livello C+ del GRI) 2012, quello di Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio S.C., portando a 51 il numero di società dell’indice con un bilancio di sostenibilità ed un codice etico.

Il valore economico distribuito ai fornitori da Banca Etruria nel 2012 è stato di 70,8 mil di Euro, in aumento rispetto ai 66,3 dell’anno precedente e pari al 27,9% del totale, scegliendoli sempre più legati al territorio presidiato dalla Banca, a testimonianza della sua volontà di porsi in primo piano per contrastare gli effetti sociali della crisi attuale, coerentemente con le finalità mutualistiche di una banca popolare. Tra le iniziative viene segnalata la redazione e applicazione del “Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenza – DUVRI” con i Fornitori. Nel bilancio Banca Etruria. dichiara “La qualità della produzione è anche indice degli standard qualitativi delle forniture ricevute. In senso lato Banca Etruria considera i Fornitori veri e propri partner aziendali che possono condizionare il corretto svolgersi della produzione.” Il rapporto con i Fornitori di Banca Etruria è regolato dalla Carta dei Valori e dal Codice Etico, con il capitolo “Rapporti con i Fornitori”.

Viene inoltre dichiarato che: “In una logica di ricerca della qualità e di rispetto, oltre che di tutte le normative, anche dei valori etici legati alla sostenibilità e alla responsabilità delle imprese, la funzione Buyer della Banca è attenta al raggiungimento di più vantaggiosi accordi economici con tutti i Fornitori. Tale operatività porta a un miglioramento continuo in ambito qualitativo e al raggiungimento di risultati economici positivi, misurabili già nel breve-medio termine in alcune categorie.”